IL COMUNE FACCIA SENTIRE LA PROPRIA SOLIDARIETA’ AD ASIA BIBI

Nel mondo si susseguono deprecabili episodi di intolleranza religiosa che meritano una sensibilizzazione delle coscienze ed anche nette prese di posizione da parte delle istituzioni locali.
L’ultimo e drammatico esempio è quello di Asia Bibi, la donna pakistana che rischia la pena capitale per il reato di blasfemia.
Dopo cinque anni di abusi subiti durante il carcere Asia Bibi è stata condannata a morte.
Analogamente a quanto sta avvenendo in molte parti del mondo ed anche nel nostro Paese, chiediamo che la nostra amministrazione comunale dia un chiaro segnale nei confronti delle rappresentanze diplomatiche pakistane in Italia per contribuire ad interrompere una scia di sangue che in nome dell’intolleranza religiosa rischia di fare una nuova vittima.
Movimento Civico Senese

Comments are closed.