Cosa intende fare il Comune con le nuove disposizioni regionali del Regolamento acustico?

Con la sottoriportata interrogazione chiediamo lumi su come si intende applicare il nuovo Regolamento acustico regionale che introduce cambiamenti fondamentali riguardo le autorizzazioni comunali in deroga alle manifestazioni a carattere temporaneo che comportano l’uso di amplificatori e strumenti rumorosi.
Giuseppe Giordano
Al Sig. Sindaco del
Comune di Siena
Oggetto: interrogazione applicazione nuove disposizioni Regolamento acustico regionale.
I sottoscritti consiglieri comunali
Considerato:
che il 30 giugno u.s. è stato approvato dalla Giunta della Regione Toscana il nuovo Regolamento acustico regionale che conferma alcuni cambiamenti fondamentali riguardo le autorizzazioni comunali in deroga per lo svolgimento di manifestazioni a carattere temporaneo che comportano l’uso di amplificatori sonori e strumenti rumorosi;
che a garanzia della salute pubblica ciascun Comune dovrà consentire un corretto svolgimento delle manifestazioni sonore decidendo come gestire e valorizzare le attività tanto più che, in base alla semplificazione dei processi amministrativi, il Comune non dovrà acquisire il parere preventivo dell’ASL per il rilascio delle deroghe semplificate
chiedono al Sig. Sindaco di riferire
quali iniziative regolamentari abbia preso o intenda prendere il Comune di Siena a seguito della approvazione del nuovo regolamento acustico regionale precisando, in particolare:
se intende stabilire una ripartizione tra le attività di iniziativa pubblica e quelle di iniziativa privata;
se intende concedere deroghe anche in aree di classe I, ovvero quelle cd ‘protette’;
se intende stabilire un numero massimo di giorni per lo svolgimento di manifestazioni a carattere temporaneo che comportano l’uso di amplificatori sonori e strumenti rumorosi specificando, nel caso, la loro ripartizione nelle fasce orarie diurne o notturne
Giuseppe Giordano e Eugenio Neri

Comments are closed.