Interrogazione sulla consegna della progettazione preliminare del cd ‘Lotto 0’

Al signor Sindaco di Siena
I sottoscritti consiglieri comunali Giuseppe Giordano ed Eugenio Neri del Gruppo consiliare Siena Rinasce presentano la seguente interrogazione in merito alla “ Consegna della progettazione preliminare dell’ E78 Grosseto – Fano, per l’adeguamento a 4 corsie del tratto compreso tra lo svincolo con la tangenziale di Siena (Firenze – Siena) e lo svincolo di Ruffolo (Siena – Bettolle), denominato Lotto 0”.
PREMESSO
· Che in data 27 luglio 2006 il Comune di Siena e l’ANAS Spa stipularono una convenzione che impegnava il Comune a predisporre la progettazione preliminare dell’ E78 Grosseto – Fano, per l’adeguamento a 4 corsie del tratto compreso tra lo svincolo con la tangenziale di Siena (Firenze – Siena) e lo svincolo di Ruffolo (Siena – Bettolle), denominato Lotto 0.
· Che in data 22 novembre 2011 fu dato ampio risalto all’incontro dell’allora sindaco Ceccuzzi con l’ing. Mazzeo, capo compartimento ANAS della Toscana, nel quale veniva provveduto da parte del Comune alla consegna del progetto preliminare del cosiddetto “Lotto 0”.
RICORDATO
Che l’allora sindaco Ceccuzzi ebbe anche a giustamente affermare che “Il lotto 0 è un intervento di importanza strategica per Siena e per tutta la Due Mari, come per la viabilità urbana e di lunga percorrenza che interessa la nostra città. Si tratta di una congiunzione che unisce le principali arterie della Siena – Bettolle alla Siena-Grosseto, alla Siena-Firenze e in futuro anche alla Cassia”.
CONSIDERATO
· Che il Comune, negli anni scorsi, è stato lungimirante nell’essersi assunto l’onere della progettazione preliminare (che non sarebbe rientrato nei suoi compiti) e che, grazie alle professionalità interne, è stato possibile concludere un lavoro che consentirà un grande vantaggio nei tempi di avvicinamento alla realizzazione dell’opera.
· Che tale progettazione preliminare costituisce un impegno che mira a completare la Due Mari dando continuità ai lavori dei diversi Lotti in cui è suddivisa l’opera.
CONSIDERATO INOLTRE
· Che in data 14 ottobre 2013 è stato sottoscritto dai più autorevoli rappresentanti del territorio senese un appello al Governo e al Parlamento affinché vengano realizzati gli interventi necessari per la percorribilità e la sicurezza della Due Mari e della Siena-Firenze
· Che in detto appello, sottoscritto anche dal sindaco Valentini, veniva in particolare evidenziata la precaria situazione delle infrastrutture strategiche per il collegamento e lo sviluppo della provincia di Siena e di tutta l’Italia centrale eveniva detto che va posta “…una particolare attenzione…sul percorso di progettazione del cosiddetto “Lotto zero” collocato nel comune di Siena.”
· Che in data 21 ottobre 2013 è stata presentata, dai consiglieri regionali Spinelli e pugnalino, una mozione al Consiglio Regionale della Regione Toscana con la quale è tra l’altro chiesto l’impegno della Giunta Regionale per “…definire il percorso di progettazione definitiva, di finanziamento e di appalto del cosiddetto Lotto Zero…”
· Che nella stessa mozione è detto che “…lo stato dell’arte relativo alla realizzazione del collegamento Grosseto – Fano E78 ad oggi presenta il seguente…”- progettazione preliminare conclusa sul Lotto 0 (Siena – Ruffolo)”
RILEVATO
Che nel sito internet dell’ANAS relativo alla SGC Grosseto – Fano(E78) risulta per il Lotto 0 che “Attualmente il Comune sta redigendo il progetto preliminare. Si prevede di concludere il progetto entro il 2013 per il successivo avvio di procedure di Legge Obiettivo.”
RILEVATO ALTRESI’
Che si ravvisano discrasie tra quanto dichiarato dagli amministratori e quanto emerge dall’argomento dal sito dell’ANAS
interrogano il signor Sindaco per conoscere
· Se la progettazione preliminare del Lotto 0, di cui alla convenzione stipulata sin dall’anno 2006 tra Comune di Siena e ANAS, sia stata conclusa entro il 2013 e se sia stata consegnata all’ANAS per dare alla stessa la possibilità di avviare le procedure della Legge Obiettivo.
· Quali siano, nel caso che la progettazione non sia stata conclusa, i motivi del ritardo rispetto ai tempi indicati nella convenzione e se ci siano state negligenze da parte degli addetti o deficienze da parte degli Amministratori.
Giuseppe Giordano ed Eugenio Neri