Neri: La tassa di soggiorno deve essere utilizzata per il suo scopo

“La tassa di soggiorno è un tesoretto della città che va reinvestito per lo sviluppo”. A prendere posizione è Eugenio Neri, candidato a sindaco di Siena appoggiato da liste e movimenti civici, che interviene sull’imposta comunale che grava sulle strutture ricettive della nostra città, dopo un confronto avvenuto con gli operatori del settore.

“Una tassa che va a incidere sulle attività economiche è di per sé odiosa e lo diventa ancora di più se chi la paga non riesce a vedere a cosa serve. Insieme agli operatori, appena entrato in Comune – prosegue il candidato sindaco – farò chiarezza su quanto è entrato nelle casse dell’amministrazione e se, e come, queste risorse sono state reinvestite sul turismo. Perché un punto deve essere chiaro: fino all’ultimo centesimo di quello che il Comune introita grazie alla tassa di soggiorno va reinvestito sull’attratività della città”.

La tassa di soggiorno dunque “dovrà servire per migliorare le infrastrutture e i servizi per il turista, organizzare eventi che accrescano ulteriormente l’appeal di Siena e sfruttare al meglio le occasioni di promozione della città all’estero. E’ evidente che più saremo bravi a portare e trattenere i turisti a Siena e più risorse avremo a disposizione”, aggiunge Eugenio Neri.

La posizione del candidato a sindaco sull’imposta di soggiorno è infatti chiara: “Questa tassa, un provvedimento imposto dall’amministrazione Ceccuzzi per tappare i buchi delle inefficienze nel governo della città, è senz’altro criticabile perché va a penalizzare il turismo, una risorsa vitale di Siena”.

Piazza del Campo si tinge di verde

E’ ormai cosa nota che quello in cui viviamo è un periodo assai buio per la nostra città e data la gravità delle situazioni vissute da molte istituzioni senesi alcune questioni rischiano di passare in second’ordine.

Chi, negli ultimi tempi, si trova a passeggiare per le vie del centro facendo capolino in Piazza del Campo avrà avuto difficoltà a riconoscere la ‘conchiglia’ che ha mutato colore.

Per una città candidata a capitale della cultura europea, che affida molti dei suoi destini alla capacità di attrarre turisti è inconcepibile che Il Campo appaia agli occhi di tutti con una trascuratezza senza precedenti.

La cura della città, che deve rientrare negli obiettivi principali di un’amministrazione comunale, sembra essere un’attività dimenticata.

E questo è tanto più grave se riguarda il nostro ‘salotto buono’. Non prestare le dovute attenzioni alla Piazza è come non riparare una perdita di acqua nella nostra abitazione o lasciare ammuffire gli abiti negli armadi di casa. Semplicemente inconcepibile!

Un tempo in Piazza del Campo ci nasceva la verbena, ora si può condurre al pascolo un gregge di pecore!

Tutto ciò è ancor più grave se si considera che l’incuria regna sovrana anche in occasioni importanti come le recenti celebrazioni cateriniane, chiaro segnale di disamore verso la nostra Siena.

Signor Commissario, visto che non ci pensa Lei, ci permette di venire ad estirpare l’erba dalla Piazza?

I candidati del Movimento Civico Senese nella Lista Siena Rinasce.

I nostri candidati nella Lista Siena Rinasce: Pina Masotti

Giuseppina Masotti è nata a Roma il 12 settembre 1978.

Ha conseguito la laurea in Economia Bancaria presso l’Università di Siena nel 2004.

Attualmente svolge il tirocinio formativo presso uno studio commerciale per il conseguimento del titolo di Commercialista.

Giuseppina è una persona socievole ed attenta al prossimo ed ama trascorrere parte del proprio tempo libero con bambini ed anziani dai quali c’è sempre da imparare.

‘Sono una neofita della politica’ dice Pina ‘ ed ho deciso di impegnarmi in questa esperienza per dare voce a quanti vedono calpestata la propria dignità: giovani senza lavoro, uomini e donne disoccupati, anziani soli e con difficoltà economiche’.

I nostri candidati nella Lista Siena Rinasce: Agostino Milani

Agostino Milani è nato ad Arezzo il 5 giugno 1948 e vive a Siena dal 1960.

Si è laureato in Ingegneria presso l’Università di Bologna nel 1977 ed è un conosciuto ingegnere libero professionista nella nostra città.

Negli anni dell’università ha lavorato come insegnante ed i suoi principali hobbies sono la lettura ed i viaggi.

Agostino è stato Consigliere comunale dal 2001 al 2011. Tra le sue principali iniziative ricordiamo:

a)      la proposta approvata per la realizzazione di un parco urbano nella valle di Follonica a margine del recupero delle Fonti i cui lavori sono ancora in corso di attuazione a seguito di una serie di irragionevoli ritardi;

b)      mozioni ed interrogazioni a difesa dei lavoratori di Trainservice. Le problematiche dei lavoratori sono state in parte risolte;

c)      interventi propositivi in merito alla redazione del Regolamento Urbanistico tra cui quello della ROTTAMAZIONE URBANISTICA ed EDILIZIA, proposta accolta e di grande utilità in futuro quando, a seguito della necessaria revisione del RU, tutte le iniziative dovranno essere volte al recupero ed alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente.

Alla nostra domanda sul perché ha deciso di candidarsi, Agostino ha risposto: ‘Mi candido perché, quando si creano le condizioni del rinnovamento, non può venire meno il contributo di coloro che hanno impegnato la vita in nome di questo cambiamento’ ed ha aggiunto ‘ Occorre essere padri, non figli del proprio tempo’.

UN PROFICUO INCONTRO DI EUGENIO NERI CON L’UNIONE PROVINCIALE AGRICOLTORI

Nel pomeriggio di lunedì 29 aprile  presso gli uffici dell’Unione  Provinciale  Agricoltori di Siena si è  tenuto un incontro tra i vertici dell’Associazione  ed   Eugenio Neri,  candidato  alla  carica di Sindaco con il sostegno di quattro liste civiche.

Eugenio Neri è stato accompagnato da Marco Pasetto, candidato nella Lista Siena Rinasce.

Il colloquio, cordiale e costruttivo, ha affrontato diversi temi tra i quali le prospettive di rilancio dei settori agricolo, enogastronomico e turistico ed i rapporti tra amministrazione comunale ed Unione.

Oggetto di attenzione è stato anche il tema della fiscalità che preoccupa gli addetti del settore soprattutto per le tre tasse di competenza del Comune (IMU, TARES e Tassa di soggiorno).

Il confronto ha evidenziato l’opportunità di investire parte delle entrate derivanti dalla tassa di soggiorno nelle attività connesse al settore, così come l’inderogabilità di nuove azioni ripartendo dalle potenzialità del nostro territorio che Eugenio Neri ha suggestivamente definito come un inesauribile giacimento di petrolio verde.

Una particolare attenzione è stata dedicata ai rapporti tra le associazioni afferenti all’Unione e l’amministrazione comunale ed alla condivisa necessità di migliorare il dialogo ed il confronto al fine di evitare inutili e dispendiosi contenziosi che ostacolano le attività produttive e rischiano di rivelarsi pregiudizievoli per gli stessi interessi pubblici.

I Nostri Candidati nella Lista Siena Rinasce: Maurizio Forzoni

Maurizio Forzoni è nato a Siena il 19 ottobre 1968.

E’ sposato con Ilaria Stracciati ed ha due figli Matteo di 12 anni e Vieri di 5.

Appassionato contradaiolo della Selva nella quale ha ricoperto incarichi nel Seggio Direttivo, Maurizio ha conseguito nel 1987 la maturità Classica presso il Liceo Piccolomini e nel 1993 la laurea in Giurisprudenza presso l’Università di Siena.

Durante gli studi universitari è stato Balìa 1990 nelle Feriae Matricolarum Senensium.

Nella nostra città Maurizio esercita la professione di avvocato dal 1998 e dal 2010 è Mediatore professionista presso la CCIIAA di Siena e presso l’organismo di conciliazione forense dell’Ordine degli Avvocati di Siena.

‘Ho trovato nel Movimento Civico Senese vecchi amici’ dice Maurizio ‘e ne ho conosciuti di nuovi, tutti animati dalla voglia di favorire uno scatto di orgoglio della città. Oggi Siena è una città ferita, colpita al cuore e dal grande cuore dei senesi occorre ripartire per tornare ad essere quell’esempio virtuoso che la storia ci ha riservato’.

I nostri candidati nella Lista Siena Rinasce: Silvia Badesso

Silvia Badesso è nata a Grosseto  il 5 settembre 1971 dove ha conseguito la maturità scientifica.

I successivi gli studi in giurisprudenza la hanno portata nella nostra città.

Vive a Monteriggioni, lavora a Siena dal 1994 ed ha due figli: Emanuele di 5 anni e Gabriele di 4.

E’ titolare dello studio di consulenza Agenzia Siena che si occupa principalmente di amministrazioni condominiali e pratiche automobilistiche ed è apprezzata per la sua cordialità e professionalità.

A proposito della sua decisione di candidarsi nella Lista Siena Rinasce Silvia ci ha detto: ‘La mia partecipazione è dettata dal desiderio di dare il mio contributo alla ripresa di una città che generosamente mi ha accolto e che sento mia. In passato ho vissuto l’impegno politico con un certo distacco, ma oggi sono fermamente convinta che c’è bisogno dell’impegno di tutti, ognuno per quel che può e che sa fare, per dare un futuro ai nostri figli’.

Bellissima ‘La Porta del Cielo’, ma non per tutte le tasche

Abbiamo accolto con favore la possibilità di ammirare il ‘cielo’ del Duomo, ovvero una serie di locali del Duomo di Siena mai aperti al pubblico prima dello scorso 6 aprile attraverso i quali è possibile ammirare incantevoli viste panoramiche.

All’iniziativa, denominata ‘La Porta del Cielo’, promossa dall’Opera della Metropolitana di Siena è stato dato un importante rilievo dai media nazionali, circostanza che, dopo mesi contrassegnati da attacchi, critiche e danno all’immagine della città, ha riproposto Siena in senso positivo.

L’unica nota stonata è rappresentata dal costo del biglietto, acquistabile solo su prenotazione al prezzo intero di 25,00 euro che si riduce a 23,50 €  nel caso di gruppi non superiori a 17 persone.

E’ possibile chiedere 75 euro ad una famiglia di 3 persone? E’ così che si pensa di fare ‘sistema’ e di creare sinergie tra le strutture culturali,  turistiche e recettive della città?

Se l’alto prezzo del biglietto è stato motivato dalla necessità di limitare l’accesso in conseguenza della ‘particolarità’ del sito, sarebbe stato sufficiente contingentare il numero degli accessi, come  l’obbligatorietà della prenotazione lascia intendere avvenga già.

La cultura deve essere accessibile a tutti ed un biglietto che costa quasi quanto una giornata di lavoro di un operaio o due terzi di quella di un impiegato risulta quasi offensivo.

I candidati del Movimento Civico Senese nella Lista Siena Rinasce!

Nuovo o lavato con Perlana?

Da appartenente alle formazioni che hanno fatto sprofondare Siena, oggi vorrebbe far credere ai senesi che rappresenta la novità da votare: questo è Bruno Valentini”.

Esordisce così Giuseppe Giordano, candidato nella lista Siena Rinasce, che interviene dopo le ultime esternazioni del candidato Pd alla carica di primo cittadino. “Valentini ha salutato gli abitanti di Monteriggioni ricordando la lunga carriera da politico, cominciata dal suo ingresso in Municipio avvenuto nel 1995 quando in Italia il premier era Lamberto Dini e ancora non si giocava con la playstation: alla faccia della novità”.

“Dopo 18 anni impiegati a salire i gradini della scala politico-gerarchica di Monteriggioni, secondo lo schema classico dell’uomo di partito ovvero consigliere-capogruppo-assessore-sindaco, ha colto l’occasione del malcontento presente a Siena per cavalcarlo e dare sfogo alla sua ambizione personale di conquistare la poltrona di primo cittadino del capoluogo”, aggiunge Giordano.

“Candidarsi a guidare una città straordinaria come Siena come l’uomo fuori dal sistema se poi di questo sistema si è parte per appartenenza al PD, non può essere una proposta credibile – conclude Giordano – Sono certo che i senesi, stufi di inganni e arroganza, non meritino di essere governati da chi non ha voluto chiudere definitivamente con metodi e uomini che rappresentano il passato più negativo. Il passato che non deve tornare sotto le mentite spoglie della novità”.

I candidati dell’ MCS

‘Se si fanno dei progetti concreti, se si coltivano le proprie ambizioni, se ci si dà da fare con umiltà, se si aguzza l’ingegno, i sogni diventano realtà’ (B.  Yashimoto, Il coperchio del mare, 2004)

Questa frase, contenuta in un bel libro della scrittrice giapponese Yashimoto, rappresenta bene lo spirito con cui i candidati del Movimento Civico Senese nella lista ‘Siena Rinasce!’ hanno deciso di impegnarsi per il bene della città.

La nostra ambizione è quella di portare Eugenio Neri ad essere il sindaco di Siena, il nostro sogno è quello di contribuire alla rinascita di una città ferita ed ingiustamente dileggiata.

Ed ecco i candidati del Movimento Civico nella Lista Siena Rinasce!

Michele APRILE

Silvia BADESSO

Massimo BANDINI

Nadia FAVILLI

Maurizio FORZONI

Pietro GALVAGNO

Federica GIOIA

Giuseppe GIORDANO

Alma LANI

Giuseppina MASOTTI

Agostino MILANI

Gianni ONORATI

Marco PASETTO

Carla SENSI

Abduljeap SUPLJA

Antonio STERLACCI